Banche : Con Facebook nasce la Banca Sociale

maialino

Facebook ,con l’autorizzazione della Banca Centrale d’Irlanda, sarà con i suoi 1,3 miliardi di account a cui si aggiungono i 500 milioni di account di WhatsApp  la prima e più grande proposta di banca sociale del mondo.

Monte dei Paschi di Siena, nata nel 1472, e’ la più antica banca al mondo in attività .

Il Sistema Bancario italiano vanta una storica tradizione di banche del Territorio prossime alla tipicità dei Cittadini, della loro cultura e tradizione operosa .Tra queste le Casse di Risparmio, le Banche Popolari. La Banca Sociale in Italia potrà far rifiorire i sistemi territoriali e rendere internazionali le loro peculiarità .In Rete le aziende diventano di fatto multinazionali a prescindere dalla loro dimensione e sono vincenti per la competitività del loro prodotto, servizio, progetto.

Internet ha per ora migliorato la fruibilità dei servizi bancari tradizionali soprattutto perché  si possono effettuare da casa, in mobilità pagamenti , investimenti, controlli, acquisti di azioni senza più doversi recare allo sportello.

Un effetto di questo nuovo comportamento sociale e’la riorganizzazione delle filiali in Italia la chiusura di 1500 gli sportelli entro il 2018.

fbwFacebook cambia la visione e la fruizione di banca tradizionale .

Alla facilità di trasferimento diretto “tra account” della stessa Comunità di denaro e quindi con un abbattimento dei costi, il modello di business della banca sociale prevede, ad esempio, che una azienda che richieda un finanziamento o cerchi dei soci sia sottoposta al vaglio-credibilità della Rete dove, con una partecipazione trasparente di interesse diretta da parte “degli account”, potrà riscontrare la risposta ed ottenere il denaro per la propria attività , aprirsi a nuovi soci, trovare nuovi mercati, selezionare il management .

Il rating ovvero il giudizio sul valore di una azienda sarà rilevato con applicazioni di webreputation.

Sono allo studio e già in prova in diversi Stati dell’Africa, nuovi sistemi diretti di pagamento attraverso il telefono cellulare che abbattono le attuali barriere e confini e che sicuramente assecondano l’interesse di chi e’ emigrato .

 

abiLa Banca Sociale ripropone il modello Comunità con in più la partecipazione diretta delle Persone nella valutazione del rischio e della Credibilità e già i servizi di “raccolta fondi” in rete stanno sostenendo molti progetti non accolti dal sistema bancario tradizionale .

Il direttore di banca diventa un social manager sempre più organizzato ad ascoltare la Comunità , a praticare la webreputation per concedere un fido, a partecipare con le proprie proposte alla sua crescita grazie alla conoscenza che gli stessi Clienti gli metteranno a disposizione attraverso la Rete.

Le perizie tecniche potranno utilizzare i servizi satellitari di rilevazione fotografica e la interconnessione delle anagrafi dei Comuni , tributarie e catastali procedere ad ogni accertamento.

Siamo all’inizio di un cambiamento che farà i conti con monete virtuali e sistemi di fiducia social  che superano le attuali regole delle banche centrali.

Intervento del comunicatoreitaliano al tg2

 

SHARING ECONOMY: TOGETHER IS BETTER

A NAPOLI VIENE PRESENTATA MYG21 WORLD WIDE: LA PRIMA SOCIAL SHOPPERS COMMUNITY MONDIALE

Schermata 2014-03-14 alle 11.15.58

myG21 promuove a Napoli un Convegno per esplorare le nuove frontiere della sharing economye per presentare la prima Social Shopping Community Mondiale

my21Napoli, 15 marzo 2013 – Il Teatro Auditorium Mediterraneo della Mostrad’Oltremare di Napoli ospiterà il 15 marzo il piu’ importante evento dedicatoal tema della sharing economy mai organizzato in Italia presentando unavera e propria rivoluzione per il settore.

myG21, società facente parte di Ventuno Group – realtà imprenditorialeitaliana guidata da Fabio Regolo e Daniele Vigano’ e attiva in molteplicimercati – promuoverà il Convegno “Sharing Economy, Together is better” e lancerà la prima SocialShoppers Community Mondiale myG21.

“Il progetto myG21 è ispirato a quelli che sono i concetti fondanti dell’economia futura: il risparmio, lacondivisione e la fiducia” – esordisce Luigi Maisto, VicePresidente di Ventuno Group e Presidente dellasub-holding myG21. “Questi elementi, uniti all’efficienza delle nuove tecnologie e alla loro capacità diconnettere le persone, ci hanno condotto verso una nuova visione moderna del consumatore, qualeutente attento non solo al risparmio ma anche a un uso consapevole delle risorse e che vede nellacondivisione una soluzione per migliorare le condizioni di acquisto e la qualità della propria vita”.

myG21 nasce proprio da questa nuova visione dell’economia, che riconosce alle persone il potere diinfluenzare le aziende con le proprie opinioni e le proprie preferenze, un’economia consapevole, fonte diuna nuova forma di consumo partecipato. Un vero e proprio cambio di scenario che si sta giàaffermando e porta con se’ inediti modelli di consumo, oltre a favorire il passaggio da un sistema basatosul concetto di proprietà a un mercato aperto e in grado di offrire agli utenti un accesso non mediato aiprodotti e ai servizi.

A contribuire a questo cambiamento è certamente anche la precarietà che caratterizza l’economiaattuale ma che sta rendendo allo stesso tempo i consumatori più consapevoli delle proprie decisioni diacquisto, indirizzandoli verso scelte più pratiche, più virtuose e in generale meno consumistiche”.

hhPrendendo spunto da queste considerazioni esperti del mondosocial e digital ed esponenti istituzionali e di importantiassociazioni di settore si confronteranno sull’economia dellacondivisione, tracciandone gli attuali confini e disegnandone ifuturi scenari. Sotto la guida di Piero Muscari, Giornalista efondatore del progetto Eccellenzeitaliane.tv, che modererà ilconvegno, Andrea Toma del Censis, Edoardo Colombo della Task Force Agenda Digitale, Michele Ficara, Presidente Assodigitale, Michelangelo Tagliaferri, Fondatore di Accademia Comunicazione e Pier Domenico Garrone,esperto di web reputation esploreranno le frontiere della sharing economy.

Al termine della Tavola Rotonda, Luigi Maisto, Presidente di myG21 e Salvatore Loffredo, VicePresidente di myG21 condurranno i partecipanti nel cuore del nuovo progetto myG21 Word Wide, con illancio della prima Social Shoppers Community Mondiale, una piattaforma di aggregazione tra utenti checrea una sola grande community a livello internazionale e permette ai suoi iscritti di trarre vantaggio dallacondivisione delle offerte di prodotti e di servizi non solo risparmiando, ma potendo ricevere gratis glistessi prodotti e servizi liberamente “condivisi” con la propria rete all’interno della community. In questomodo lo user ha la possibilità di avanzare di status nell’ambito della community e di accumulare GCoinsogni giorno, che vengono converti in denaro cash da incassare e da utilizzare come e quando preferisce,senza vincolo né scadenza.

Per maggiori informazioni visita www.myg21.it

 

Sapere e distinguere il professionista dall’affarista

@tg2rai la #lobby approfondimento di Gabriele #Flamma per sapere e distinguere il professionista dall’affarista

comunicatore-italiano@tg2

Guarda il video